Museo Archeologico di Ariano Irpino

0

Il Museo Archeologico di Ariano Irpino, ospita materiali rinvenuti nell’insediamento preistorico in località La Starza di Ariano Irpino, che, dal V millennio a.C., con brevi soluzioni di continuità, è stato frequentato per tutto l’arco della protostoria fino alle soglie dell’età del Ferro.

Si tratta di forni per la lavorazione del bronzo (l’età del bronzo recente e finale XIII – X secolo a.C. sono documentate da ceramiche riferibili alle “facies” cosiddette sub appenniniche e proto villanoviane, tazze carenate con fondo convesso, piatti profondi con labbro a tesa, mentre peculiari di tale sito sono le tazze con ansa a soprelevazione “pennata” e successivamente con soprelevazione ad “ascia”. L’industria litica è testimoniata dalla presenza di arnesi di selce. Oltre alle ceramiche locali di impasto e di argilla figulina vi sono oggetti di bronzo, bacini con orlo perlinato, coppe, brocche, fibule d’argento, importate dall’Etruria, vasellame di bucchero proveniente dalla pianura campana, una collana di ambra e statuine di tipo tanagrine.

Il museo custodisce altresì corredi funerari quali quelli rinvenuti nelle tombe a tumulo di un insediamento sannitico di Casalbore., lungo il tratturo Pescasseroli-Candela e nel complesso sacro in località Macchia Porcara incentrato su un tempio italico databile nel III sec. a.C.. Ospita anche una mostra illustrante i risultati delle esplorazioni condotte in località S. Eleuterio, dove sorgeva un importante centro osco identificato con Aequum Tuticum.

L’età romana è così resa presente dai reperti che, durante le prime campagne di scavo di Aequum Tuticum,”il  “cardo viarum”, sull’appia Traiana che da Roma, Benevento, Casalbore, Ariano, arrivava fino in Puglia, vennero portati alla luce. Sono presenti utensili in vetro, in bronzo, in ceramica, nonché monete e cippi viari: uno è del console Marco Emilio Lepido e l’altro è riferito alla via “Herculia” con la indicazione in miglia romane delle distanza da Alfedena e Equotutico.

Da non perdere
Prima sala
– Tazza con decorazione excisa dell’appenninico classico (Ariano Irpino, La Starza)

– Tazza d’impasto con ansa “pennata” di epoca protoappenninica (Ariano Irpino, La Starza)
– Colum di bronzo con ansa sagomata a protome di uccello (Casalbore
– Pendaglio di bronzo (Casalbore)
– Collana di ambra (Casalbore)

Seconda sala
– Cippo del console M. Emilio Lepido (Ariano Irpino, Camporeale)

– Piatto di maiolica in bianco e blu cobalto (Ariano Irpino, Sant’ Eleuterio)
– Terracotta votiva del tempio di Macchia Porcara (Casalbore)
– Bacino di bronzo con orlo perlinato (Casalbore)

Informazioni
Palazzo Anzani – Via D. Anzani (Ariano Irpino)
Tel. (+39) 0825.824839
Apertura ed orari: dal lunedì al sabato dalle 09:00 alle 13:00 (Chiuso la domenica)

Come arrivare
Coordinate di Ariano Irpino
Latitudine 41° 9’9.67″ N
Longitudine 15° 5’19.20″ E

In auto
Autostrada Napoli-Canosa (A16), uscire al casello di Grottaminarda, immettersi sulla SS.90 e seguire le indicazioni per Ariano Irpino, a 13 km dal casello
Dista 53 km da Avellino (via autostrada)

Share.

About Author

Irpino, avellinese, ideatore di viaggioinirpinia.it. Il progetto connubio ideale tra le esperienze professionali maturate negli anni e la passione, è alimentato dalla profonda conoscenza della propria terra!! E’ direttore tecnico di agenzia viaggio ed accompagnatore turistico.

Leave A Reply